La resistenza al rotolamento

Tratto da: http://glossary.en.eea.europa.eu/terminology/sitesearch?term=rolling%20resistance

“Il quoziente di resistenza al rotolamento  rappresenta il 20-25% di tutte le resistenze. Ciò significa che, ogni quarto o quinto pieno di carburante viene consumato solo per fare fronte alla resistenza al rotolamento. È notevole il fatto che, fino a circa 100 chilometri all’ora, la resistenza al rotolamento è maggiore della resistenza aerodinamica di un veicolo.

Le proprietà e la qualità di un pneumatico, pertanto, hanno una grande influenza sul consumo di benzina e, quindi, sul costo della benzina. Naturalmente, la resistenza al rotolamento non può mai essere del tutto eliminata. Tuttavia, una riduzione del 30% può essere conseguita con i pneumatici a basso attrito; ciò implica una riduzione circa del 5% nel consumo di benzina: una buona ragione per prendere in considerazione l’utilizzo di questi pneumatici.

Come si genera la resistenza al rotolamento? Se avete mai provato a spingere un passeggino su una spiaggia sabbiosa, avrete sperimentato un esempio estremo di elevata resistenza al rotolamento e di quanta energia occorra per fare fronte ad essa. In una macchina, la resistenza al rotolamento diviene altrettanto evidente: i pneumatici di un veicolo vengono deformati nella rotazione di ogni ruota dal peso del veicolo. Il pneumatico aderisce alla strada con la superficie del battistrada, che disperde l’energia.”

La resistenza al rotolamento viene ottimizzata utilizzando una corretta pressione dei pneumatici. Una pressione dei pneumatici troppo bassa porterà ad un aumento della resistenza al rotolamento, del consumo di benzina e del battistrada anche nei pneumatici a basso attrito.

Pertanto, installa TireMoni.

Lascia un commento